Documenti & News [13]

Samoter e Asphaltica superano i 40mila visitatori

Verona, 11 maggio '14
Chiudono oggi i due Saloni internazionali dedicati al mondo del construction e stradale

La ripresa del mercato construction e stradale, anche in Italia, è confermata dai commenti di espositori e delegazioni commerciali presenti alla 29ª edizione di Samoter ed alla 7ª di Asphaltica, che al termine dei quattro giorni di manifestazione registrano la presenza di oltre 40 mila visitatori dei quali il 15% esteri da 55 Paesi – la top ten delle presenze estere Francia, Germania, Svizzera, USA, Regno Unito, Russia, Slovenia, Cina, Brasile e Spagna - e più di 200 giornalisti da 15 Nazioni.
Le 445 aziende espositrici, delle quali 106 estere da 27 Paesi (su una superficie totale di 50 mila metri quadrati lordi), i buyer e gli operatori specializzati hanno espresso la soddisfazione per la qualità dei prodotti esposti e degli operatori presenti alle rassegne.

Dichiarazioni di Veronafiere
«Essere al servizio del sistema delle imprese è la nostra mission e, ancora una volta, lo abbiamo dimostrato con i fatti, dando alle aziende del settore construction e stradale risposte concrete per ripartire dopo sei anni di profonda crisi. Ora guardiamo al prossimo impegno, EXPO Construções la nuova rassegna promossa dalla nostra controllata Veronafiere do Brasil, che si terrà dal 5 al 7 novembre prossimi nello stato di Espirito Santo, dove sono previsti investimenti nel settore delle costruzioni per circa 3 miliardi di euro sino al 2017», dice il presidente di Veronafiere, Ettore Riello. «Da domani inizieremo a lavorare con associazioni e aziende alla 30ª edizione di Samoter, già programmata dal 22 al 25 febbraio 2017. L’edizione dei 50 anni ha rappresentato l’anello di congiunzione tra passato e futuro, rilanciando congiuntamente a tutte le associazioni di categoria, la rassegna e il settore come il punto di riferimento del comparto construction. Anche il binomio con Asphaltica e la partnership con SITEB, hanno rappresentato una scelta vincente, molto apprezzata da visitatori ed espositori», commenta il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani.

I commenti di alcune associazioni ed espositori del construction stradale
«Il calo del mercato degli ultimi anni ha ridimensionato anche il numero delle aziende presenti ma non la qualità dell’offerta e dei contatti; anzi, abbiamo riscontrato la presenza di operatori che da molti anni erano lontani dall’Italia e da questo mercato. Per noi è stata una buona edizione», sottolinea il presidente di Unacea, Enrico Santini. «Abbiamo creduto insieme a Veronafiere nel Samoter per dare un segnale positivo al mondo delle costruzioni ed abbiamo registrato ottimismo e fiducia. I nostri associati hanno presentato molte novità, mentre come associazione abbiamo proposto contenuti e progetti importanti, come ad esempio Cantiere Italia, lanciato in concomitanza alla rassegna», afferma Carlo Belvedere, segretario generale di Ascomac.
Bilancio positivo anche nel settore presidiato da Asphaltica, con Stefano Ravaioli, direttore di Siteb, che commenta il risultato del debutto a Verona per il salone dedicato alle infrastrutture stradali: «Rispetto alla precedente edizione, la collocazione a Veronafiere in concomitanza a Samoter ha fatto registrare un flusso di visitatori superiore del 200 per cento. Questa è la piazza giusta, a misura del mercato italiano, fatto anche di molte realtà medio-piccole d’eccellenza».
«Una vera iniezione di fiducia per il settore» secondo Michele Turrini, neo Presidente di SITEB: «I contatti con i clienti sono stati numerosi – dice – e gli imprenditori finalmente hanno voluto parlare di ripresa e non di sopravvivenza. Le potenzialità si sono intraviste in questi quattro giorni di fiera e adesso dobbiamo lavorare insieme per far tornare la filiera italiana delle pavimentazioni e infrastrutture stradali al primo posto in Europa».

MAG.
Fonte: VeronaFiere
2014

Le cariche associative per il triennio 2014-2017

Il Consiglio Direttivo, riunito il 7 maggio, ha nominato il nuovo Presidente SITEB.

Michele Turrini
, Direttore Commerciale e membro del Consiglio di Amministrazione del Gruppo Ammann succede al Prof. Carlo Giavarini, cui è andato il caloroso plauso dell’Assemblea per l’attività svolta nell’arco di due decenni. Giavarini rimarrà nel board di Presidenza con la carica di Presidente Onorario dell’Associazione.
La nomina all’unanimità di Turrini è arrivata alla vigilia di Asphaltica e, nella sua prima apparizione ufficiale come Presidente SITEB, il neo Presidente è intervenuto alla cerimonia di apertura di Asphaltica@Samoter.
“Il mondo che ruota intorno al bitume è un mondo che ha subito trasformazioni radicali negli ultimi anni.” ha dichiarato Turrini; “ Mantenendo salda la nostra tradizione e la nostra esperienza, il nuovo corso dovrà interpretare i bisogni e le necessità scaturite dal cambiamento. Non si tratta di un percorso per la “sopravvivenza” bensì della trasformazione di una associazione in qualcosa che sia di stimolo e di riferimento per la nuova imprenditoria. Obiettivo principale del mio mandato sarà rafforzare la base associativa e rinsaldare ulteriormente i rapporti e il dialogo con le istituzioni nazionali e locali per supportare il settore strade e asfalti nelle strategie industriali del Paese”.
Michele Turrini sarà affiancato nel suo operato dal Vice Presidente Franco Tolentino di Pavimental e dal Direttore Stefano Ravaioli.
Il nuovo Consiglio Direttivo SITEB per il triennio 2014 -17 è così composto:
- Michele Turrini Presidente
- Franco Tolentino Vice Presidente
- Stefano Ravaioli Direttore Davide
- Bertini Consigliere
- Pietro Bettaglio Consigliere
- Sergio Chiozza Rappresentante di Categoria A (Bitumi)
- Mauro Da Via Rappresentante di Categoria F (Polimeri)
- Federica Giannattasio Consigliere
- Giampaolo Mazzetti Rappresentante di Categoria D (Membrane)
- Michele Mori Rappresentante di Categoria C (Laboratori)
- Stefano Ruffoni Rappresentante di Categoria B (Imprese)
- Mario Spinelli Rappresentante di Categoria E (Macchine)
- Maria Rita Valentinetti Consigliere
- Antonio Varoli Piazza Consigliere
- Carlo Giavarini Presidente Onorario.

Michele Turrini nasce a Verona nel 1961, dove attualmente vive, sposato con due figli. Dopo aver conseguito il Master di Organizzazione Aziendale e alcune esperienze lavorative all’estero, rientra in Italia dove inizia la sua attività nell’azienda di famiglia, la SIM SpA (costruttrice di impianti per conglomerati bituminosi), dove si specializza in attività commerciali. Dopo l’acquisizione da parte del Gruppo Ammann del pacchetto di maggioranza della SIM, nel 1993 viene nominato Direttore Commerciale e Membro del Consiglio di Amministrazione (ruoli tuttora ricoperti). Oltre ad essere attivo all’interno di Ammann Italy, ricopre anche numerosi ruoli all’interno del Gruppo con occhio particolare ai mercati emergenti e alle strategie globali. Nel 2003 entra nel Consiglio Direttivo SITEB come Rappresentante dei Costruttori di Macchine e impianti, nel 2012 entra anche nel Consiglio d’Amministrazione di Ammann Teknomak (azienda turca acquisita nel 2012).

APR.
Fonte: SITEB
2014

UNI GL1- Materiali stradali, bituminosi e sintetici

Dopo un lungo periodo di inattività e a seguito di una ristrutturazione interna della SC2 “Materiali stradali”, presieduta dal prof. Crispino, il 14 gennaio si è riunito a Milano, presso la sede Uni, il nuovo GL1 denominato “Materiali stradali, bituminosi e sintetici”, coordinato dal Direttore del SITEB..
Durante la giornata oltre ad illustrare nei dettagli le modifiche e gli accorpamenti apportati alla struttura della SC2, si è parlato delle principali novità introdotte dal CPR 305:2011 che fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione e che abroga la Direttiva 89/106/CEE.
Come noto, il CPR introduce la DoP (Dichiarazione di Prestazione) che sostituisce la Dichiarazione di conformità e il 7° requisito “Impiego sostenibile delle risorse naturali”.
Ravaioli ha poi introdotto il tema della “Prassi di riferimento” sugli aggregati e conglomerati da riciclo. Le prassi di riferimento sono documenti che introducono prescrizioni tecniche o modelli applicativi settoriali di norme tecniche, elaborati sulla base di un rapido processo di condivisione ristretta ai soli autori, sotto la conduzione operativa di UNI e da esso emanati, verificata l’assenza di norme o progetti di norma allo studio (in ambito nazionale, europeo o internazionale). Le prassi di riferimento hanno una vita utile non superiore a 5 anni, periodo massimo entro il quale possono essere trasformate in norma UNI, UNI/TS, UNI/TR oppure ritirate.
Poiché il SITEB si sta battendo per semplificare la gestione del fresato d’asfalto, Ravaioli ritiene che la messa allo studio di un progetto di norma su questo materiale, possa risolvere i problemi.

MAR.
Fonte: SITEB
2014

Andamento del mercato bitume Italia 2013

Nonostante un forte recupero nel mese di dicembre, il mercato del bitume Italia del 2013 si chiude per l’ottavo anno consecutivo, con un ennesimo segno meno. E’ solo un -4,0% ma sufficiente per far capire che l’agognata ripresa economica, nel 2013 non è arrivata. Pur non essendo ancora quelli definitivi, i dati del bitume parlano chiaro soprattutto perché provengono da una fonte autorevole (Unione Petrolifera).
Eventuali scostamenti sono ancora possibili ma in ogni caso saranno di minima entità. SITEB elabora la statistica per i derivati e i conglomerati bituminosi.
La produzione totale di bitume in Italia è rimasta sostanzialmente invariata (+0,3%) ma a fronte del calo di vendite sul mercato interno si registra una crescita significativa del bitume destinato all’export che nel 2013, con un +6,5%, consolida l’inversione di tendenza che si era già verificata nell’anno precedente.
Invariato il mercato del bitume modificato che dopo 5 anni di produzione con un trend in continua discesa sembra essersi arrestato su uno zoccolo fisso di 155.000 ton.
Segni negativi invece per tutti gli altri derivati, a partire dal bitume tradizionale per la produzione di conglomerati bituminosi (-4,8%), quello destinato alle emulsioni (-8,3%) e quello ossidato destinato ad applicazioni speciali prevalentemente collegate al settore auto (-14,3%).
In calo, seppur contenuto, anche il bitume industriale utilizzato prevalentemente per la produzione di membrane impermeabilizzanti che registra un -1,8%.
La produzione totale di conglomerato bituminoso in Italia nel 2013 si è attestata a 22,265 Mil. di ton, la metà esatta di quella che il mercato richiedeva nel 2006.
Nella tabella che segue, i dati a confronto degli ultimi 5 anni.

Dati bitume 2013

FEB.
Fonte: SITEB
2014

In ricordo di Giovanni Giachino

Giovanni Giachino

In questa breve nota ci piace ricordare la figura di Giovanni Giachino, il “ragioniere” di Torino, imprenditore del settore dei prodotti petroliferi e fondatore della società Giachino Bitumi, tra i primi soci del SITEB.
Nato nel 1939, Giovanni cresce e lavora con il padre nell’ambito petrolifero piemontese e agli inizi degli anni ‘80, costituisce la società Giachino Bitumi specializzata nella commercializzazione del bitume ma anche nella ricerca e sviluppo di sistemi stradali tecnologicamente avanzati per la modernizzazione e la crescita del Paese.
Bitumi modificati, conglomerati drenanti/fonoassorbenti, riciclaggi a freddo di pavimentazioni usurate, impermeabilizzazioni con bitumi ed emulsioni sono solo alcune delle tecnologie promosse divulgate in trent’anni di attività dall’azienda, attraverso partnership qualificate e una collaborazione stretta e continua con il Politecnico di Torino.
La voglia di crescita e la volontà del miglioramento continuo, raggiungono l’apice con l’introduzione in Italia del “Macroseal”, microtappeto a freddo, prodotto innovativo e rivoluzionario utilizzato per anni sulla rete autostradale. Contemporaneamente, l’Azienda inizia la sua politica di espansione verso la Turchia, la Russia e i Paesi dell’Est Europa.
Negli ultimi anni, nonostante le problematiche nazionali del settore petrolifero e alcuni problemi di salute, la sua voglia di combattere non si è mai fermata.
Con la tenacia che lo ha sempre contraddistinto e la profonda conoscenza del mercato, Giovanni ha avviato l’azienda di famiglia verso quella che dovrebbe essere la nuova era dei prodotti petroliferi, gli scambi marittimi. Navi in partenza da porti italiani cariche di bitume da trasportare nel resto del mondo sono già oggi una realtà.
Ci ha lasciato l’11 gennaio del 2014 ma non si è fermato Giovanni, ha fatto una breve pausa per pensare, ed ha iniziato quello che le nuove generazioni vedranno domani.
Ricordiamolo con il suo sorriso, il suo buon umore e la sua cordialità.
Ciao Giovanni!

GEN.
Fonte: SITEB
2014

Notizie di attualità e aggiornamenti in tempo reale

In questa sezione vengono catalogate tutte le notizie di interesse per il settore asfalto & strade.

Diverse sono le fonti dalle quali le stesse vengono tratte: Notiziario, Rassegna, pubblicazioni scientifiche, riviste di settore e stampa tecnica in genere, web e novità annunciate dagli Associati.

Un archivio di notizie sempre utile da controllare per tenersi costantemente informato.

Buona lettura......